Volete regalare un libro per il compleanno di un vostro amico o di una vostra amica e non sapete cosa scegliere?
Certo a volte gli scaffali delle librerie possono spaventare, eccovi perciò un consiglio che renderà gradito il vostro regalo e che non vi farà fare brutta figura: I peggiori racconti dei fratelli Grim. Scritto da Luis Sepúlveda e da Mario Delgado Aparaín ormai nel 2004, è un libro estremamente piacevole e per certi versi molto attuale, anche se non molto conosciuto.

I due autori sudamericani sono riusciti a rendere in maniera estremamente ironica la storia avventurosa e bizzarra dei due fratelli Grim, Abel e Caìn, cantastorie e giullari viandanti per le remote terre della Patagonia. Attraverso l’espediente della corrispondenza letteraria tra due improbabili filologi squattrinati, il prof. Segismundo Ramiro von Klatsch e il prof. Orson Castellanos, la storia di questo libro tocca le corde vibranti dell’ironia e della satira, lasciando sul volto del lettore un costante sorriso che ripaga pienamente la spesa per l’acquisto.

Come spesso accade nei testi di Sepúlveda non mancano riferimenti e stoccate, talvolta nemmeno molto velate, agli ambienti letterari e al mondo politico in cui viviamo, della serie chi ha orecchie per intendere intenda…
Le storie raccontate corrono tutte sul filo dell’assurdo, senza però mai cadere nel demenziale, tra aneddoti curiosi e bizzarre digressioni, tutte sapientemente ricamate dalle quattro mani degli autori.

Il libro edito da Guanda e già presente in formato tascabile, si può trovare su numerosi circuiti di vendita online, da Amazon a BOL, un motivo in più per non lasciarselo sfuggire.
Se poi il vostro amico è distante e non potete raggiungerlo di persona, potete sempre farglielo recapitare direttamente a casa, grazie alla possibilità di scegliere la modalità pacco regalo, senza alcun costo aggiuntivo di spedizione.
I peggiori racconti dei fratelli Grim è dunque un piacevole regalo per trascorrere in pieno relax qualche ora del proprio tempo libero, stesi a prendere il sole in piscina o comodamente sdraiati sul letto di casa prima di addormentarsi, o magari per passare in compagnia le ore di volo necessarie per raggiungere proprio le terre della lontana Patagonia.